Ghedin Pensiero

Concetti e spunti di pensieri di Bernardo Ghedin

Le 5 cose da sapere per vendere il tuo immobile

Vendere da soli non è semplice come spesso ci fanno credere.

Oggi tutti pensano che qualsiasi cosa sia facile e veloce per il solo fatto che la rete ci mette a disposizione piattaforme per la condivisione e promozione di un nostro prodotto, servizio o progetto. In linea di massima è vero, chiunque puo' con pochi euro se non gratis usufruire si sistemi per la promozione del proprio business, ci fanno credere che è possibile diventare tutti ricchi comodamente da casa senza lavorare molto. Di fatto salvo rari casi tutti gli altri sistemi rendono ricchi chi stà al vertice del sistema. Questa mentalità stà rendendo un idea sbagliata di tutte quelle attività serie che promuovono i loro prodotti e servizi anche in rete, nel caso specifico del ramo immobiliare la cosa è molto negativa e dannosa per chi svolge questa attività professionalmente da decenni. Se passa il concetto che per vendere un immobile basta inserirlo in un sito e aspettare il cliente ed il gioco è fatto, forse siamo arrivati ad un punto delicato che ritengo importante snocciolare. Questi sistemi di condivisione in rete sono strumenti potentissimi e utilissimi, ma non vi dicono che per vendere bisogna anche sapere il pre e post vendita. In questi casi i siti poi mettono a disposizione degli specialisti a pagamento, o comunque poi bisogna affidarsi a tali figure per la valutazione dell' immobile e per sapere in caso di vendita i documenti che vanno preparati e come vanno preparati. Di fatto se un privato è autodidatta e si rende autonomo in tutto cio' sicuramente vendere da sè gli è convenuto sicuramente, e si prenderà anche le responsabilità di ciò che fà, ma nel 90% dei casi in cui non abbiamo le competenze per gestire la mediazione e ci affidiamo a professionisti di fatto è come se fossimo passati tramite un agenzia. Quindi il sistema veloce, gratis non esiste se non per pochi che sanno arrangiarsi, per tutti gli altri gli sarebbe convenuto affidarsi ad una agenzia immobiliare. Perchè? Perchè a conti fatti un agenzia fà quello che fate voi ma in più si occupa di tutta la parte pre e post vendita, e questo è tutto compreso nella provvigione. Quindi evitate il fai da tè se dovete gestire cose cosi importanti spesso frutto di anni di sacrifici.Affidatevi a chi ogni giorno tratta immobili e sopratutto conosce il territorio e le figure professionali che lo gestiscono a livello immobiliare.

Ecco i nostri 5 consigli per vendere casa

  1. Foto di qualità che rappresentano nel modo migliore il vostro immobile.
  2. Descrizione completa dell' immobile, compreso il prezzo.
  3. Fornire dati tecnici
  4. Fornire una planimetria
  5. Andare con questo materiale in agenzia immobiliare e chiedere una consulenza e capire cosa l' agenzia ci offre per gestire il tutto e sopratutto come la gestirà(marketing, pubblicità,prospect etc etc ).
    Buon proseguimento di giornata Immobiliare Ghedin

Open House in Streaming su Facebook

I migliori affari non è detto che vengano sempre dai canali tradizionali!

In questi ultimi anni ci stiamo sempre più rivoluzionando, abbiamo spesso sentito la necessità di evolvere tecnologicamente e ho notato anche confrontandomi con altre realtà che Evoluzione Tecnologica lo associano a Investimento di Capitali. Ma è vero o no? Io mi sono risposto con un bel NI. Si proprio NI, nel senso che per evolvere è giusto investire, ma oggi abbiamo strumenti che ci permettono di evolvere senza dover spendere capitali, nel caso che vi sto per fare addirittura è gratis.  

Lo streaming Video su Facebook.

Questo strumento che ormai è quasi integrato su tutti i dispositivi in commercio, permette di realizzare dei veri e propri salotti multimediali dove mentre stiamo parlando o proponendo i nostri prodotti le persone possono intervenire attraverso la chat e noi possiamo vedere chi fà la domanda e sopratutto rispondergli in tempo reale. Non sottovalutate la parte Socio/Emozionale, essere nominati durante una diretta puo' essere un fattore Empatico che chi come me ha studiato e conosce le regole della comunicazione in ambito commerciale, sà che entrare in empatia significa apertura al dialogo e possibilità di condividere meglio l' esperienza di vendita. Quindi 1. Presentarsi 2. Incuriosire 3. Empatia 4. Proposta, questo schema che non è specifico per un settore ha nel suo alcune regole che si ritrovano ovunque. Riuscire a costruire sistematicamente Empatia e dialogo è capacità per pochi, questo strumento di streaming ci viene incontro sopratutto per la parte emozionale.  

Tutto questo per dire ?

La mia azienda a partire da luglio utilizza e sta sviluppando lo streaming su Facebook come metodo per costruire rapporti "Empatici" con le persone che ci seguono e riuscire a mostrare a persone interessate le nostre attività, le nostre offerte e sopratutto vogliamo far capire che dietro un mandato che ci viene affidato ce' un enorme lavoro di sviluppo e ricerca sulle metodologie di comunicazione e pubblicità del nostro settore. Quindi un mandato in esclusiva con noi è un ottimo affare perchè oltre ad ottenere i prezzi al valore di mercato , chi vende ottiene la migliore visibilità che si possa avere sul territorio...ma le novità non finiscono qui...iniziano. Il prossimo articolo sarà sul prospect e ricerca di informazioni massivo.   Stay Tuned Bernardo Ghedin GB Realestate s.r.l    

Alla scoperta di Cison di Valmarino

Oggi vi dico perchè a mio avviso Cison di Valmarino è un paese che ci rappresenta nel mondo.

Cison di Valmarino, uno dei Borghi più Belli d’Italia, e non lo dico io, lo dice l' Unescu. Si perchè Cison di Valmarino è candidata a diventare patrimonio dell' umanità.

A Cison troviamo bellezze storiche ed artistiche :

Chiesa arcipretale di S. Maria Assunta Castello Brandolini/Colomban Tempio della Madonna delle Grazie, Museo d’Arte Sacra della frazione stessa. Parco del Ruio Grotta del Ciclamino   Cison è cultura e ambiente, ma non dimenticatevi gli eventi che sono innumerevoli.  

Eventi a Cison 

  La candidatura a patrimonio dell' unescu spetta a frazione di Rolle (Borgo FAI candidato a patrimonio UNESCO), una località che il famoso poeta Andrea Zanzotto, grande appassionato del luogo, definì, a ragione, “una cartolina mandata dagli dei”. Cit. "Cison.it" La nostra agenzia vuole partecipare alla crescita ma sopratutto ai valori che Cison di Valmarino offre. Vi metto a disposizione la nostra presenza con un immobile che solo dalle foto non potrete che pensare a quello che avete appena letto.......vi lascio con Cit. Vedi Cison di Valmarino e ti innamori.   Sempre in linea con il mio territorio, a voi sta solo l' innamorarvene! Bernardo Ghedin General Manager - GB Realestate s.r.l   Per info contattami allo 3402573067 oppure bernardoghedin@yahoo.it

2016 Conegliano-Valdobbiadene sul tetto d’ Europa

L' area Conegliano/Valdobbiadene riceve Bruxelles il titolo di capitale enologica d' Europa.

Avete capito bene, per tutto il 2016 saremo sul tetto d' Europa nel nostro fiore all'occhiello, il comparto enologico. Per tutto il 2016 saranno avviate moltissime attività ed eventi che potrete seguire   direttamente a questo Link. Conegliano-Valdobbiadene, l’area in cui si produce il Prosecco Superiore Docg, città europea della cultura enologica con la seguente motivazione: il progetto presentato rappresenta al meglio la continuità di una manifestazione che vuole essere al centro dell’attenzione dell’Europa e del mondo nel promuovere la cultura, l’identità, i paesaggi, i territori del vino”. Erano presenti: gli europarlamentari Carlos Zorrinho, portoghese, Isabella De Monte; il presidente delle Città del Vino, Floriano Zambon; il coordinatore delle Città del Vino del Veneto, Benedetto De Pizzol; il sindaco di Valdobbiadene, Luciano Fregonese; il sindaco di Cison Valmarino, Cristina Pin; il sindaco di Follina, Mario Collet; l’assessore di Vittorio Veneto, Giovanni Napol; Tanja Baratti, ricercatrice dell’Università di Padova; Alberto Follador, dirigente della manifestazione Primavera del Prosecco; e Paolo Benvenuti direttore delle Città del Vino italiane

I comuni sul tetto d' Europa sono :

Conegliano, Susegana, San Vendemiano, Colle Umberto, Vittorio Veneto, Tarzo, Cison di Valmarino, Follina, Miane, San Pietro di Feletto, Refrontolo, Pieve di Soligo, Farra di Soligo, Vidor e Valdobbiadene Il concorso al quale partecipano tutte le Città del Vino Europee della rete Recevin è unico nel suo genere e si pone l'obiettivo di mettere in risalto l'influenza della cultura enologica ed enoturistica nella società, nel paesaggio, nell'economia, nella gastronomia e nel patrimonio e il suo valore per l'Unione Europea. La mia agenzia ha le migliori esclusive in questi luoghi incantevoli, chi come me vive qui ha sempre saputo che i nostri luoghi sono tra i migliori d' Europa, basta valorizzarli e farli conoscere. Congratulazioni a tutti gli operatori del settore che con impegno,dedizione e professionalità hanno portato sul tetto d' Europa la nostra terra. Bernardo Ghedin General Manager - GB Realestate S.r.l

Abrogare la parola Tumore

Perchè dobbiamo abrogare la parola tumore?

La vita è guidata dalle emozioni, spesso non ce ne rendiamo conto.Avete mai fatto caso a come le persone che utilizzano termini positivi, che trovano sempre qualcosa di buono da qualsiasi vicissitudine, sono sempre persone che hanno successo o hanno intorno persone tali? No?Malissimo. Pensare positivo, trovare il lato positivo, aiutare le persone, essere disponibili col prossimo nasconde una forza che da sola basta per affrontare la dura vita di tutti i giorni, e credetemi parlo per esperienza. Provate ad immaginare se sostituissimo le parole negative con quelle positive, ad esempio provate a sostituire la parola TUMORE con VIVIAMO. L' esempio è forte lo so', e chi pensa negativo ora farà sicuramente la morale, ma poco importa.Chi ha un tumore sa cosa vuol dire amare la vita, perchè sà che la sua stessa vita è in pericolo, e quindi sa viverla al meglio, nonostante le grosse difficoltà che lo affliggono. Dovremo prendere spunto da questo per dire che bisogna imparare a vivere, e imparare a cambiare i significati delle parole affinchè trasmettano positività. Dire VIVIAMO al posto di tumore, certamente non ha valenza scientifica, ma si tratta di un concetto filosofico, se ci pensate VIVI _ AMO , amore per la vita. Chi ha un tumore sà cosa vuol dire amare la propria vita, cosi come tutte le persone che sono in condizioni simili lo sanno. Perchè non imparare ad amare la vita ogni giorno anche se questa non è strettamente in pericolo?   Spero di aver dato uno spunto di riflessione, spero di aver dato un motivo a molti per amare quello che hanno, spero ed auguro a tutti di VIVERE con AMORE la propria vita.  

Viviamo a tutti!